Tipi di amplificatori operazionali

Inverter / amplificatore non invertente

Lo scopo finale di qualsiasi amplificatore è aumentare il segnale di un particolare circuito. Ciò che differenzia gli amplificatori operazionali dagli altri è che eseguono alcuni processi matematici aggiuntivi al segnale mentre lo amplificano. Un amplificatore operazionale senza inversione è essenzialmente il tipo "base" che aumenta il guadagno di un segnale elettronico senza alcun processo aggiuntivo. Un amplificatore operazionale invertente aumenterà il guadagno del segnale e invertirà anche la polarità del segnale di uscita, da positivo a negativo o viceversa.

Inseguitore di tensione

Un follower di tensione viene utilizzato per aumentare il segnale di circuiti con tensioni variabili. Lo stesso tipo di aumento del guadagno si applica all'amplificatore standard, ma le variazioni del guadagno in ingresso verranno tracciate e abbinate dal segnale di uscita. Questi tipi di circuiti vengono spesso utilizzati prima di altri sistemi per prevenire danni causati da improvvisi cambi di tensione.

Amplificatori di addizione / sottrazione

Queste due varietà di amplificatori operazionali eseguono un processo aritmetico nel segnale. Un amplificatore di sottrazione operativo emette un segnale uguale alla sottrazione tra i suoi due ingressi. Un amplificatore di somma combina diverse tensioni da un numero di ingressi e produce un guadagno basato sulle tensioni combinate. Ognuno di questi circuiti può essere configurato per funzionare come sistema inverter o non inverter.

Integratori / differenziatori

Le varietà più complesse di amplificatori operazionali sono integratori e differenziatori. L'aggiunta di un condensatore al circuito significa che l'integratore reagisce alle variazioni di tensione nel tempo. L'entità della tensione di uscita cambia, in base alla quantità di tempo che una tensione impiega ad apparire all'ingresso. Il differenziatore è l'opposto di questo. La tensione prodotta nel canale di uscita è proporzionale alla velocità di variazione dell'ingresso. Cambiamenti più grandi e più veloci nella tensione di ingresso produrranno tensioni di uscita più elevate.

Articoli Interessanti