Qual è la differenza tra un microcomputer e un minicomputer

Storie dei due computer

I minicomputer furono sviluppati negli anni '60 come computer di fascia media, che si vantavano di avere un'alta velocità di elaborazione, ma di dimensioni e ad un prezzo molto più basso rispetto ai computer centrali e ai supercomputer. Ma non lasciarti ingannare dalla parola "piccolo". Alcuni minicomputer misurano più di 182, 88 cm e pesano 315 kg.

I minicomputer sono diventati presenti nelle istituzioni accademiche, nelle aziende e in vari settori, grazie alla loro convenienza, dimensioni e facilità d'uso.

Tuttavia, negli anni '70, il personal computer è cambiato in modo significativo a causa dell'introduzione di microcomputer. Questa nuova generazione di computer con costi ancora più bassi ha sostituito i vecchi modelli di minicomputer più ingombranti e che hanno consumato molto spazio utilizzando la nuova tecnologia a microchip. Ogni chip conteneva un microprocessore, che controllava la CPU (chiamata anche unità centrale di elaborazione, per il suo acronimo in inglese). La CPU è generalmente considerata il cervello di un computer ed è dove tutta la potenza di elaborazione si trova in un sistema. È composto da circuiti interconnessi che contengono migliaia e talvolta anche milioni di transistor.

Caratteristiche diverse

I minicomputer possono essere molto ingombranti. Solo la CPU può pesare fino a 90 libbre (40, 5 kg).

I mini sono stati progettati per essere meno complessi dei computer centrali, ma forniscono comunque diversi terminali per diversi utenti. Tuttavia, molti di questi sistemi erano persino più lenti, avevano meno memoria e non erano in grado di integrarsi in reti più grandi.

Come suggerisce il nome, i microcomputer contengono le funzionalità di un computer più grande, ma in modo significativamente più piccolo. I sistemi di informazione, che una volta riempivano un'intera stanza, ora potevano inserirsi in un piccolo chip di silicio.

I microcomputer sono generalmente considerati i computer più piccoli, più convenienti e più affidabili. Possono anche mantenere un'altissima velocità di elaborazione, nonché un'ampia capacità di archiviazione interna ed esterna. A differenza dei minicomputer, i microcomputer possono connettersi online, in rete e utilizzare vari accessori di input e output, come stampanti laser e unità CD-ROM / DVD.

Principali usi

I minicomputer erano principalmente utilizzati per il controllo dei processi e l'esecuzione di compiti finanziari e amministrativi, come l'elaborazione di testi e la contabilità. Alcune macchine sono state progettate per laboratori medici e come sussidi didattici.

I microcomputer sono utilizzati principalmente per l'elaborazione di testi, la gestione di database o fogli di calcolo, grafica e applicazioni per ufficio in generale.

I primi modelli

Il minicomputer DEC PDP-8 o Straight-8 (1965): prodotto da Digital Equipment Corporation, il PDP-8 è considerato il minicomputer più noto. A quel tempo, era una delle macchine più convenienti, al prezzo di US $ 18.000.

Intel 4004 (1971): questo è stato il primo microprocessore in grado di leggere e rispondere alle istruzioni. L'Intel 4004 raggruppava tutte le parti di un computer, inclusi CPU, memoria e controlli su un singolo chip di silicio.

Lisa (1983): progettata da Apple Computers, Lisa è stata il primo microcomputer a utilizzare un'interfaccia utente grafica. Lisa conteneva anche un disco rigido, due unità floppy e un monitor bianco e nero da 12 pollici (30, 48 cm).

Articoli Interessanti